Ode alla ciabatta







Nuova pagina 1

Nel giorno 15 maggio dell’Anno del Signore 2006 ho
spianato il primo infradito dell’anno – Gucci, perchè io valgo
mentre
ancora una buona parte della popolazione bolognense gira con giacche di pelle
sopra i maglioncini,
e spruzza sudore dagli stivali – vaqueros, camperos, todos unos
schiferos – di pellazza che ormai sembrano camminare da soli.

E’ ufficiale: fino a settembre – si spera, mi auguro –
piedi scoperti.
 



Ode alla ciabattaultima modifica: 2006-05-16T14:17:45+02:00da tatessa
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “Ode alla ciabatta

  1. ehmm…la venale la volevo fare anche io aggiungendo a borsette che amo da impazziere,scar pe,profumi creme,cremine,m agliettine di tutti i tipi,parrucchie re,estetista eheheheh mi devo fermare??’ Vabbè và ..queste cose andranno al prossimo post “meno serio” Un abbraccio Rosanna

  2. è d’obbligo!
    a dire il vero stavo pensando anche alla ricostruzione ai piedi..a parte tutto…sono leggermente impedita ad allegare le foto sul blog …diciamo che so proprio negata…sennò ti mostrerei qualcosa…
    gli occhiali ancora nada de nada….
    besos!

Lascia un commento